M’illumino di meno Treviso (a piedi e in bici)

Treviso 1 marzo dalle ore 18.30

*** Per contrastare il cambiamento climatico, ri-pensiamo il nostro stile di vita camminando e pedalando di più. ***

L'immagine può contenere: testo
Dopo il grande successo dell’edizione 2018, torna a Treviso M’illumino di Meno Radio2, quest’anno con un programma ampliato e una rete di sostenitori ancora più grande!
Con concerto finale a scopo di beneficenza per la ricostruzione del Parco Fluviale di Lambioi, devastato dall’alluvione del 29 ottobre 2018 (vedi sotto il programma)

📍 A PIEDI
Camminata libera o con tecnica del Nordic Walking (si raccomanda l’uso dei bastoncini con gommini).
Sono previsti due itinerari: percorso 1) lungo 9 km (2 ore), e percorso 2) breve di 4,5 km (1 ora e 20).
A cura di ASD Strada Facendo Nordic Walking Treviso

📍 IN BICI
Biciclettata in sicurezza, su percorso di circa 15 km lungo il Sile, durata 1 ora circa, indispensabili luci, bici di qualsiasi tipo, percorso facile con qualche tratto sterrato.
A cura di Fiab Di Treviso

📍 ILLUMINAZIONE
Dalle ore 18 alle 19 verrà spenta l’illuminazione pubblica di Palazzo dei Trecento e Piazza dei Signori, a titolo simbolico, a cura del Settore Ambiente del comune di Treviso.
Al Parco degli Alberi Parlanti, per alcuni minuti verranno spente anche tutte le luci della cedraia e i fari esterni che la illuminano, a cura degli Alcuni.

COME PARTECIPARE
La partecipazione è gratuita e aperta a tutti, CON PRENOTAZIONE:
https://www.nordicwalkingtreviso.net/escursione/millumino-di-meno-2019

TEMA 2019
Il tema della quindicesima edizione di M’illumino di meno, l’iniziativa di Caterpillar per la sensibilizzazione al risparmio energetico, è l’economia circolare. A Treviso lo abbiamo portato così:
“Per contrastare il cambiamento climatico, ri-pensiamo il nostro stile di vita camminando e pedalando di più”

PATROCINI E PARTNERSHIP
Con il patrocinio della Provincia di Treviso e del Comune di Treviso. Con il sostegno di Lasciamo il segno – La rete Trevigiana per l’attività fisica.
Organizzazione in collaborazione con Fiab Di Treviso e Palestra Strada Facendo Indoor
Grazie a Legambiente Treviso, NaturaSi Bistrot Treviso, Trevisoinfo – mostre eventi a Treviso2, Confartigianato Treviso, Confcommercio, Contarina SpA, Parco degli Alberi Parlanti, Cicli Andrea Lenzini Treviso, Crich

PROGRAMMA
Ore 18.30: ritrovo in Piazza dei Signori. Saluto Autorità
Ore 19: inizio camminata e biciclettata
Ore 20: punto ristoro presso Auditorium Stefanini
Ore 20.45: concerto a scopo di beneficenza presso Auditorium Stefanini (max 200 posti; vale l’ordine di arrivo all’ingresso), con Oltre Fiera e Artisti Bellunesi “Belluno alza la voce”, a cura di Fiab Treviso. Il ricavato della raccolta fondi verrà devoluto alle comunità colpite dai recenti disastri nel bellunese, per la ricostruzione del Parco Fluviale di Lambioi.

RESPONSABILITA’
Note: l’organizzazione è a cura di ASD Strada Facendo e Fiab Treviso. La partecipazione è gratuita e non prevede assicurazione, pertanto la responsabilità rimane a carico di ciascun partecipante.

Annunci

Richiesta ad ARPAV per Impianto di Borgo Busco

Il Circolo Legambiente di Treviso ha presentato all’Agenzia Regionale per l’Ambiente del Veneto una richiesta di intervento per la verifica delle emissioni presso l’impianto della Ditta Mosole SPA sito in località Borgo Busco a Spresiano.

Di seguito il testo della lettera.
LOGO OK

Spett.le

Agenzia Regionale per l’Ambiente del Veneto

Oggetto: richiesta d’intervento per verifica delle emissioni dell’impianto di produzione di conglomerato bituminoso di Mosole Spa nel comune di Spresiano.

Il Circolo Legambiente di Treviso,

a seguito:

  • dei disagi di natura odorigena e sonora ripetutamente espressi dalla popolazione di Spresiano conseguentemente all’attività di produzione di conglomerato bituminoso svolto dall’,azienda Mosole Spa, presso la Cava di Borgo Busco nel Comune di Spresiano;

considerato:

  • la diffida presentata dall’Ente Provincia in data 2/8/2017 in merito alla non corretta gestione dell’impianto e al controllo delle sue emissioni;
  • la vicinanza del sito di produzione ad un’area residenziale e istituti scolastici.

  • l’articolo 844 del codice civile che impedisce il gettito di sostanze fastidiose e l’art.32 della Costituzione italiana sulla tutela della salute;
  • la richiesta da parte della Ditta Impianti Asfalto Borgo Busco di un forte aumento, nella cava di Borgo Busco, della lavorazione per la produzione di conglomerati bituminosi con l’utilizzo del fresato, oltre alla lavorazione del calcestruzzo e del recupero di materiale da demolizione (da 20.000 a 150.000 tonnellate di fresato e materiale da demolizione e da 42 a 270 giorni di lavorazione all’anno)

ritenuto:

  • che la produzione del conglomerato tramite bitume a caldo porti all’emissione di inquinanti tra i quali gli Idrocarburi Policiclici Aromatici, che sono associati a varie tipologie di tumore;

chiede

  • di verificare il rispetto dei limiti di legge previsti per tale tipologia d’impianto dall’allegato I alla parte V del D.lgs 152/2006;

  • di effettuare campionamenti dell’aria in concomitanza con l’attività produttiva dell’impianto in prossimità di aree residenziali e istituti scolastici per valutare la natura delle emissione odorigine soprattutto rispetto alle sostanze ritenute cancerogene e/o tossiche per la riproduzione e/o mutagene;

  • un rilievo fonologico per verificare il rispetto dei limiti di emissione sonora previste per le aree residenziali.

Per il Circolo Legambiente di Treviso

La Presidente Silvana Carchidi

NaturalMente Film

Riflessioni per un possibile mondo migliore

Le proiezioni verranno proposte alle ore 20.30 presso la Chiesetta dei Giuseppini,
in via dei Giuseppini, 22 – Spresiano

43045102_2384881604885641_1659683768148951040_o

GIOVEDÌ 18 OTTOBRE

UNA SCOMODA VERITA’ 2

di B. Cohen e J. Shenk
COMBATTI COME SE IL MONDO DIPENDESSE DA QUESTO
Interviene in sala
il Dott. Roberto Cariani di Ambiente Italia

GIOVEDÌ 25 OTTOBRE

PESTICIDI SIAMO ALLA FRUTTA

di A. Tommasi e L. Fabbri 5
UN VERO E PROPRIO VIAGGIO SULLE CONSEGUENZE DEGLI ANTIPARASSITARI
Intervengono in sala
gli autori Andrea Tommasi e Leonardo Fabbri

GIOVEDÌ 08 NOVEMBRE

L’ORDINE DELLE COSE

di A. Segre
UN VIAGGIO ATTRAVERSO LE CONDIZIONI ESISTENZIALI DEI MIGRANTI
Interviene in sala
Don Bruno Baratto

GIOVEDÌ 15 NOVEMBRE

IL VIANDANTE DEL SOLE

di D. Fetrin

MAMA NATURA

di P. Viola
RACCONTI DI PERSONE STRAORDINARIE CAPACI DI CAMBIARE IL MONDO
Intervengono in sala gli autori
Dimitri Feltrin e Paola Viola

CINEFORUM PROPOSTO DAI CIRCOLI LEGAMBIENTE TREVISO E PIAVENIRE

INGRESSO GRATUITO E APERTO A TUTTI

Email: legambiente.treviso@gmail.com

info@legambientepiavenire.it

 

 

 

 

PULIAMO IL MONDO 2018

I rifiuti abbandonati sono un pericolo per le persone e per l’ambiente.
Unisciti a noi e saranno loro a temerci.
NON TEMERLI, RACCOGLILI!

41934252_2353876357986166_2725509525040791552_o

DOVE:
Parcheggio di via Pisa a Treviso
QUANDO:
sabato 29 settembre dalle ore 9.00

Unisciti a noi …
aiutaci a preservare le bellezze
del nostro paese:
puliamo il nostro territorio dai rifiuti
e dai pregiudizi !!!

W W W. P U L I A M O I L M O N D O. I T
Per info mail: legambiente.treviso@gmail.com
Stefano Tel: 338.6854734
Silvana Tel: 3406611234
CONTINUARE AD ESSERE NOI, ABBIAMO BISOGNO DI TE!!!

Puliamoilmondo2018

Cave di casa nostra, cosa cambia?

 

cave zanoni a4 web correttoIncontro promosso e organizzato da Legambiente Veneto e Comitato Genitori Liberi Cittadini di Spresiano

NUOVA LEGGE REGIONALE n. 13 DEL 16 MARZO 2018

PRAC – NUOVO PIANO CAVE

IMPUGNATIVA DEL GOVERNO CONTRO LA LEGGE CAVE PER INCOSTITUZIONALITÀ DEL MAGGIO 2018

 

Centro Sociale – Via Dei Giuseppini SPRESIANO

VENERDI’ 7 SETTEMBRE ORE 21.00

 

INCONTRO PUBBLICO

 

MODERA LA SERATA

LUIGI LAZZARO Presidente Legambiente Regione Veneto

 

RELAZIONA

ANDREA ZANONI Vice Presidente della Commissione Ambiente del Consiglio Regionale Veneto e Relatore di minoranza del nuovo Piano Cave della nuova Legge Regionale cave

Incontro promosso e organizzato da Legambiente Veneto e Comitato Genitori Liberi Cittadini di Spresiano

LA TUTELA DELL’AMBIENTE NON VA IN VACANZA

La ditta Mosole S.p.A. chiede l’ampliamento dell’impianto di Borgo Busco incrementando la lavorazione da 20.000 a 150.000 tonnellate di rifiuti annui necessari alla produzione di bitume (più di 7 volte quella attuale con proporzionale aumento del traffico pesante!!!).

asfalti Busco

Considerando che molte segnalazioni e proteste relative ad odori, inquinamento atmosferico, produzione di rifiuti e problemi di viabilità causati dalla presenza di traffico pesante sono già emerse allo stato attuale, quali scenari si presenterebbero aumentando le dimensioni di tale impianto?

Con tale autorizzazione l’impianto potrebbe lavorare (anche fino a 24 ore giornaliere) per moltissimi giorni in più all’anno: ciò comporterebbe un incremento notevole di tutte queste problematiche!

La richiesta di ampliamento soggetta alla V.I.A. (Valutazione Impatto Ambientale) viene presentata dalla ditta Mosole S.p.A. nel periodo luglio – agosto rendendo difficile da parte dei cittadini interessati la presentazione di eventuali osservazioni. A tal proposito invitiamo le associazioni del territorio e tutti i cittadini a presentare le loro controdeduzioni dal 18 luglio al 17 settembre (60 gg. dalla data di pubblicazione) alla:

Provincia di Treviso – Settore Ambiente e Pianificazione Territoriale Ufficio Valutazione Impatto Ambientale,

Via Cal di Breda, 116 – 31100 Treviso.

I documenti relativi al progetto si possono trovare nel sito della Provincia al seguente indirizzo:

http://ecologia.provincia.treviso.it/Engine/RAServePG.php/P/567210190300/M/529810190303/T/MOSOLE-SPA

Confidiamo che l’Amministrazione Comunale di Spresiano, che durante il Consiglio Comunale del 17/11/2017 deliberava controlli bimestrali in cava con il supporto della Commissione Ambiente dichiarandosi contraria all’opera, sia la prima a formulare e depositare osservazioni critiche in merito all’ampliamento in oggetto.

LEGAMBIENTE TREVISO

LIBERI CITTADINI SPRESIANO

legambiente.treviso@gmail.com

libericittadini.spresiano@gmail.com

Pedemontana a Villorba-Spresiano, si bonifichi in sicurezza la discarica.

Treviso, 23 marzo 2018

LOGO OK

Al Presidente della Provincia di Treviso

Ai Sindaci dei Comuni di Spresiano e Villorba

Lettera aperta.

Pregiate Autorità,

noi del Circolo Legambiente di Treviso seguiamo da tempo le questioni relative alla Superstrada Pedemontana Veneta ed abbiamo manifestato nel tempo le nostre critiche ad un progetto che riteniamo eccessivamente impattante sul territorio, oltre che fuori controllo dal punto di vista finanziario.
Abbiamo avuto modo di sottolineare anche nel passato la nostra preoccupazione per le modalità con cui si progettava di affrontare la questione della costruzione del Casello di accesso tra le località di Catena di Villorba e Lovadina di Spresiano, per il fatto che l’area prevista per la sua realizzazione era parzialmente coincidente con la vecchia discarica il cui accesso è in Via Marconi a Villorba.

Possiamo dirci parzialmente soddisfatti per lo spostamento del Casello in questione, avvenuto anche in seguito alla nostra azione di informazione e critica, ma come non eravamo convinti delle rassicurazioni date tempo fa dall’allora Commissario per l’Opera Ing. Vernizzi, e conseguentemente alle modalità con cui si sta procedendo ai lavori in località Montecchio Maggiore (Vi), dove il percorso incrocia un’altra discarica e si sta procedendo senza mettere prima in sicurezza l’area, attraverso una bonifica complessiva del sito, ribadiamo le nostre preoccupazioni; anche perché da nostra verifica in loco, pur limitandone l’impatto, le modifiche al tracciato vedono comunque il passaggio del futuro cantiere anche sulla discarica in oggetto.

 

Montecchio

I rifiuti sporgenti lungo il cantiere della strada Pedemontana (Fonte: Il Giornale di Vicenza)

Pensiamo che da parte di chi ha responsabilità politiche nei confronti del territorio e della salute, delle cittadine e dei cittadini che lo abitano, non possa esserci inerzia e che debba essere chiesta e data completa trasparenza su quali siano le tipologie di rifiuto presenti nel sito di Via Marconi. Da testimonianze raccolte in questi anni ci risulta difatti che oltre alle tipologie di rifiuti dichiarate, quando la discarica era attiva, nottetempo arrivassero dei camion a scaricare fusti di metallo contenenti materiali imprecisati.

IMG_20180310_143513

La discarica vista dall’esterno

Su nostra sollecitazione il Cons. Prov. Luigi Amendola presentò un’interrogazione all’Ente Provincia in data 20/06/2011 per avere conoscenza dei risultati di eventuali carotaggi ed analisi per la composizione dei materiali in detta discarica, ma la risposta fu negativa in quanto la progettazione e la realizzazione di predetta Opera era di competenza del Commissario Delegato Ing. Vernizzi.

IMG_20180310_144232

Interno della discarica

Non possiamo quindi che chiedere, a garanzia della salute della cittadinanza, che si proceda ad una bonifica in sicurezza prima dei lavori di sbancamento per il cantiere della Superstrada, e che le Istituzioni che Voi rappresentate si facciano parte attiva perché vi sia la massima trasparenza su ogni aspetto di detta questione, anche perché sembra si dovranno asportare circa decine di migliaia di mc di rifiuti, con un considerevole flusso di camion ed una enorme quantità di polveri degli stessi liberata in atmosfera.

Il Circolo Legambiente di Treviso